Vai al contenuto

Rifiuti: semplificazione e detassazione per le imprese

Importanti novità in materia di rifiuti, novità che, grazie anche al lavoro di Confartigianato le cui indicazioni e richieste sono state recepite nella nuova normativa, vanno nella direzione di semplificare e sgravare artigiani e piccole imprese nella gestione di una materia così complessa come quella dei rifiuti.
economia circolare

Il recente Dlgs 116/2020, il cosiddetto Decreto Rifiuti – che recepisce due delle quattro direttive europee contenute nel pacchetto sull’Economia circolare (le direttive 2018/851 e la 2018/852) – ha infatti apportato diverse modifiche al Codice dell’Ambiente e tocca diversi ambiti, dalla responsabilità estesa del produttore (finalizzata ad incentivare l’ecodesign, ovvero la progettazione a monte di prodotti ambientalmente più sostenibili), alla tracciabilità e al trasporto dei rifiuti, rivisti in un’ottica di semplificazione (per esempio per quanto riguarda i rifiuti da manutenzione, pulizie e piccoli interventi edili in quantitativi limitati).

Tra le novità anche la fine dell’assimilazione dei rifiuti prodotti dalle imprese a quelli urbani: le imprese potranno così conferire i propri rifiuti al di fuori del circuito urbano di raccolta gestito dai Comuni, previa dimostrazione di averli avviati a recupero, e saranno detassate in proporzione alla quantità di rifiuti conferiti.  In questo modo la gestione di questo tipo di rifiuti, fino ad ora affidata ai singoli Comuni attraverso regolamenti comunali che generavano inevitabili disparità di trattamento sul territorio nazionale, è regolamentata a livello centrale, con legge nazionale. L’obbligo di detassazione, inoltre, si propone di premiare le imprese più sostenibili.

Il Decreto Rifiuti rappresenta quindi un passo importante per la concreta attuazione nel nostro paese dell’economia circolare, anche se per diverse novità contenute nel decreto si è in attesa di chiarimenti e indicazioni dal ministero dell’Ambiente.

Per rimanere aggiornato sull’argomento continua a seguirci, la sezione Ambiente di Polo 626 è a tua disposizione.

Tel. 0432 699778

e-mail: info@polo626.com

Articoli recenti
RLS, componi il tuo percorso formativo

Rls, a ognuno il suo (corso)

Inizia a marzo il nuovo progetto formativo per RLS e per chi si occupa di sicurezza in azienda. Guarda le diverse possibilità, scegli gli argomenti più…
Tractor spraying soybean

Agricoltura: cosa controllano le ASL nel 2024

L’agricoltura è insieme all’edilizia uno dei comparti a maggior rischio di infortuni. Per questo è un settore attenzionato dalle Aziende Sanitarie, con un programma specifico…